“And the Oscar goes to… Robertooo!”. Con queste parole un’emozionata Sophia Loren annuncia il premio a Roberto Benigni, che si arrampica sulle poltroncine e raggiunge saltellando il palco del Kodak Theatre di Los Angeles.




Poi, stringendo tra le mani la statuetta dorata per La vita è bella, premiato come miglior film straniero, si rivolge alla platea in un inglese sgangherato che commuove e fa ridere tutti. “Grazie a tutti! Grazie Sophia! Lascio qui l’Oscar, ma voglio te! Vorrei baciarvi tutti”. Era il 21 marzo 1999, sono passati vent’anni da quella magica sera che consacrò l’attore toscano a livello internazionale e che portò all’Italia tre statuette per La vita è bella: miglior film straniero, miglior attore protagonista (sempre a Roberto Benigni), e migliore colonna sonora a Nicola Piovani.