Non si placa lo scandalo contro i potenti del cinema. A finire nell’occhio del ciclone per presunte molestie sessuali questa volta sono stati James Franco e Michael Douglas. Fresco di Golden Globe, Franco è stato preso di mira su Twitter. Lui si è difeso in tv, dichiarando che “le accuse non sono accurate”. Douglas ha invece giocato d’anticipo, confessando di essere stato incolpato anni fa per comportamenti indecenti.




JAMES FRANCO: “ACCUSE NON ACCURATE” –  James Franco, dopo essere apparso sul red carpet dei Golden Globes con la spilletta “Time’s Up”, ha scatenato l’ira dell’attrice Violet Paley, che lo ha accusato di averla forzata a fare sesso orale e di aver invitato in hotel una sua amica minorenne. Alla sua voce si sono unite quelle delle collega Ally Sheedy (“Lui è un esempio del perché ho lasciato questo business”) e Sarah Tither-Kaplan, per un nudo integrale finito nei suoi film. Nel salotto del “Late Show” di Stephen Colbert il diretto interessato ha negato di essersi comportato male: “Tanto per cominciare, non so cosa ho fatto a Ally Sheedy. L’ho diretta in uno show a Broadway, ho solo rispetto per lei. Non capisco perche’ si e’ arrabbiata. Le accuse non sono accurate”.




MICHAEL DOUGLAS: “BUGIE INVENTATE” – Intervistato da Deadline, Michael Douglas ha rivelato di essere stato accusato anni fa di comportamenti indecenti. L’attore ha categoricamente smentito le accuse di “essersi masturbato davanti alla donna” 32 anni fa e di aver usato al telefono davanti a lei un linguaggio scurrile. “Le parolacce le posso ammettere, ma… essermi masturbato davanti a lei? E’ una bugia totale, un’invenzione”, ha detto Douglas, aggiungendo di aver licenziato la donna, ma solo “per il lavoro che faceva”, e negando di averla “fatta mettere all’indice dall’industria del cinema”.