È stato il regista stesso Mike Flanagan ha svelare il cambiamento suggerito nientepopodimeno che da Stephen King dopo la prima visione di Doctor Sleep, il sequel di Shining. Suggerimento che incredibilmente ha a che fare con l’eccesso di violenza contenuto nella prima versione dell’adattamento.





Proprio cosi: Stephen King avrebbe richiesto meno violenza nel film di Mike Flanagan. Parlando a The Kingcast, il regista ha infatti rivelato di aver mostrato Doctor Sleep a King personalmente, seduto accanto a lui in una sala privata nella casa dello scrittore. Mentre era seduto accanto a lui durante il film King prendeva appunta: “È un film lungo, e l’agonia in quel momento era interminabile. Lui era seduto accanto a me e ad ogni movimento che faceva pensavo: ‘Lo odia, lo odia, lo odia …’” dice il regista. C’è una scena in particolare in cui Flanagan ricorda di aver visto Stephen King stringere i pugni, la scena in cui si annuncia che il personaggio di Jacob Tremblay è il numero Diciannove nella sua squadra di baseball (il 19 è un numero ricorrente nei suoi romanzi).




La sua reazione alla morte di Tremblay, però, ha avuto una risposta inaspettata da King: Una delle poche volte in cui si è voltato verso di me è stata la scena in cui Tremblay viene ucciso. Si è girato e mi ha chiesto ‘Non è un po’ troppo brutale?’ Io ho risposto ‘La rimonterò diversamente. Toglierò queste cose.’ E in effetti il film è stato cambiato. Alla fine mi ha detto che era davvero l’unico appunto che aveva da farmi ‘So che hai bisogno di questa scena, ma fa male. Per me sarebbe dura mostrarla a mia moglie, perciò penso che dovresti modificarla’. E aveva ragione”.