Ci siamo, Creed 2 sta per uscire negli USA e si susseguono le interviste agli attori. In una di queste Dolph Lundgren ha parlato dell’evoluzione del suo Ivan Drago.

Come ci si sente a far parte di due enormi film con “Creed II” e “Aquaman” che usciranno entrambi quest’autunno?

Lundgren: Giusto. È un po ‘surreale un po’, sai? Voglio dire, che sono tornato e mi è piaciuto tanto, ho passato un lungo periodo lontano dal grande schermo, e poi ho fatto film “The Expendables”. Sono orgoglioso perchè ho lavorato con bravi registi e ho interpretato personaggi interessanti. Quindi è davvero fantastico, si.

In “Rocky IV” Drago aveva a disposizione l’intero paese della Russia e tutte queste apparecchiature ad alta tecnologia. 30 anni dopo sei in esilio e l’allenamento con tuo figlio è molto fuori forma, proprio come quando Rocky è stato addestrato a combattere contro di te. Puoi parlare del vostro rapporto?



Questa volta interpreto un personaggio complesso, che ha un sacco di rabbia, odio e sete di vendetta, ma non è un cattivo padre. In realtà ama suo figlio, ma non lo sa fino a quando nel film non inizia a capire cosa è importante nella vita. Ho pensato che fosse davvero soddisfacente farlo, perché mio padre era molto duro con me e avevo una relazione dura con lui. E ‘come se mi perseguitasse da molti anni, ma negli ultimi cinque anni sono andato in terapia per liberarmi di alcuni traumi e cose che stavano avendo un impatto sulla mia vita, una volta che mi sono liberato di questo, è quasi come se fossi pronto a svolgere questo tipo di ruoli adesso, e prima che non lo fossi stato davvero, per qualche motivo. Era come se mi stesse trattenendo“.Appena ho letto la sceneggiatura e incontrato Steven Caple, ho visto che non c’erano dialoghi e molte scene in russo. Volevo conoscere questo ragazzo,  Florian Munteanu, gli ho mandato un messaggio e l’ho incontrato per circa tre minuti alla MGM .Poi ci siamo visti in palestra e si è costruito un grande rapporto di fiducia tra noi, non solo per la recitazione“.

CS: Hai detto che potrebbe esserci spazio per la crescita tra i due personaggi in “Creed III”. Ciò significa che potremmo vedere Rocky e Drago festeggiare a vicenda su una spiaggia da qualche parte?



Lundgren: (ride) Non andiamo così lontano, ma guarda, non si sa mai. Non si sa mai. Con Apollo, erano nemici mortali in “Rocky I” e poi anche in “Rocky II”. Poi in “Rocky III” Rocky è andato ad Apollo per chiedere supporto e aiuto. Siamo amici, io e Stallone. Stavo per mandargli un messaggio adesso, in realtà, e dire: “Mi dispiace, mi sei mancata all’after party  la scorsa notte. C’è un grande rapporto con Sylvester Stallone, suppongo che se il mondo accetterà che Drago e Rocky siano amici, allora forse potremmo esserlo davvero“.



fonte https://www.comingsoon.net/movies/features/1010159-cs-interview-dolph-lundgren-on-creed-ii-advice-for-next-he-man