Bisogna essere comprensivi: il progetto di Indiana Jones 5 è ormai uno dei più travagliati presso la Disney / Lucasfilm. Rimandato per la seconda volta in estate al luglio del 2021, costringe i fan e i giornalisti a strizzare disperate parvenze di novità fuori da Steven Spielberg e Harrison Ford, non appena i malcapitati si palesano. L’ultima chance è arrivata dal red carpet della SAG-AFTRA Foundation, che qualche giorno fa ha insignito Harrison di un premio alla carriera. Due le domande rivolte all’attore riguardanti il film. Poco significativo il primo botta e risposta: “Quando si girerà Indy 5?” Ford dice che ancora non lo sa, che il copione è “in produzione” e che sono entusiasti di come sta venendo. Risposta standard che la star ripetè quasi pari pari anche prima di Indiana Jones e il regno del Teschio di Cristallo.




La seconda domanda è più curiosa. Il giornalista si aggrappa a una voce (MAI diventata annuncio) di un Chris Pratt presente nel film e pronto a prendere le redini del franchise. Ford ridacchia allontanandosi con un “O lui o io, mi sa.” Da qui tutte le testate si sono affrettate a considerare questa una smentita ufficiale di altri attori coinvolti nella saga. Una sola cosa è certa da quella rapida intervista: non sono ancora pronti a girare alcunché, Ford non vuole rivelare alcunché o sa meno di quello che immaginiamo.