L’attore toscano nella spumeggiante intervista con Silvia Toffanin scherza con il pubblico e con la regia.




È un Leonardo Pieraccioni in grande forma quello che arriva nel salotto di Silvia Toffanin a “Verissimo”. L’occasione è quella di presentare il suo ultimo film che domani vedremo in anteprima, ma in realtà diventa un perfetto numero da cabaret. Mentre scherza con la padrona di casa sul fatto che tutti gli ospiti in trasmissione piangano – e si fa regalare due fazzoletti di stoffa dal pubblico – mette in scena un siparietto con la conduttrice. Lei gli dice:

“Abbiamo fatto il test del Dna, Martina non è tua figlia, ma di Ceccherini”.





Lui risponde fingendo le di piangere:



“L’importante che non sia di Carlo Conti”.

Poi passa a scherzare con gli autori:

“Lo so che c’è qualcuno che si diverte a scrivere i sottopancia su quello che faccio io in studio. Ora piango e loro scrivono: ‘Pieraccioni piange’”.

Continuano le gag con la bottiglia d’acqua prima e con la chitarra poi, quando finge di non ricordare la canzone scritta per la sua bambina. L’attore toscano si concede anche qualche racconto della sua vita da papà modello

“Con mia figlia abbiamo definito i compiti in casa e abbiamo una tabella precisa, ma ogni tanto lei finge di averla persa”, scherza.





La piccola Martina Pieraccioni ha debuttato al cinema nell’ultimo film di Leonardo, “Se son rose”.