Romulus sarà la serie tv prodotta da Cattleya in esclusiva  per Sky Italia, girata usando il latino arcaico, che prosegue il progetto di Matteo Rovere dopo la realizzazione del film Il Primo Re.




Il progetto, composto da dieci episodi, sarà una co-produzione con Groenlandia e le riprese inizieranno a Roma all’inizio di giugno e proseguiranno per 28 settimane tra la capitale e i dintorni. Nel comunicato ufficiale di annuncio, viene spiegato:

Due intere città meticolosamente ricostruite sulla base di ricerche storiche documentate, migliaia di figurazioni, più di 700 presenze stunt e centinaia di armi riprodotte per una serie, Romulus, ambientata otto secoli prima di Cristo, in un mondo primitivo e brutale nel quale il destino di ognuno è deciso dal potere implacabile della natura e degli dei. Girato in protolatino, Romulus è il racconto di questo mondo attraverso gli occhi di tre ragazzi segnati dalla morte, dalla solitudine e dalla violenza: Iemos, Wiros e la giovane vestale Ilia. Una storia di uomini e donne che scoprono come crearsi un destino anziché subirlo. Una rivoluzione guidata anche da una figura femminile feroce e protettiva, spietata e materna. Romulus è la storia epica della nascita di Roma come non è mai stata raccontata.