Continua a far discutere negli Stati Uniti la clamorosa cancellazione del revival di grande successo di Pappa e ciccia, Roseanne, dopo il tweet razzista scritto dall’ideatrice e protagonista Roseanne Barr all’afroamericana Valerie Jarrett, consigliera dell’ex Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama. Tra le numerose dichiarazioni che non accennano a fermarsi ce ne sono alcune nuove della stessa Barr, che su Twitter ha rivelato di aver supplicato ABC di tornare sui propri passi, se non altro per tutte le altre persone coinvolte nello show che a causa della sua “pessima battuta” hanno perso il lavoro.



“Ho supplicato [il presidente di Disney-ABC Television Group] Ben Sherwood ad ABC di farmi scusare e fare ammenda”, ha scritto l’attrice. “Li ho pregati di non cancellare la serie. Ho detto loro che ero disposta a fare qualsiasi cosa e chiesto aiuto per farlo nel modo giusto. Ho lavorato facendogli pubblicità gratuitamente per settimane, muovendomi, con la bronchite. Ho implorato per tutti i posti di lavoro”. La presunta risposta di Sherwood, tuttavia, non è stata quella che si augurava. “Mi ha detto: a cosa stavi pensando quando l’hai fatto?”, ha continuato Barr. “Gli ho risposto: pensavo fosse bianca, assomiglia alla mia famiglia! Ha riso e ha detto: ‘Ciò che hai fatto è vergognoso e imperdonabile’. Ho implorato per il lavoro dei miei colleghi. Potrò mai riprendermi da questo dolore? Oh, Dio”.

(fonte: comingsoon.it)