Sembra una bufala, uno di quegli articoli alla Chuck Norris ma invece è realtà. Steven Seagal lavorerà con il governo russo e con quello americano. La foto con Putin sembra quella della scena di un film invece è tutta realtà…




Steven Seagal è stato nominato rappresentante speciale del ministero degli Esteri russo per le relazioni umanitarie tra Russia e Stati Uniti. Al fine di promuovere l’ulteriore sviluppo delle relazioni russo-americane nel settore umanitario, compresa la cooperazione in materia di scambi culturali, artistici, sociali e giovanili, ecc.” ha scritto il ministero russo su Facebook.







In realtà non è la prima volta che Seagal fa qualcosa del genere. Anche se in veste non ufficiale, nel 2013 aveva partecipato all’incontro tra delegazioni russe e americane a Mosca facendo da «facilitatore diplomatico». La persona, al contrario del personaggio cinematografico che siamo stati abituati a conoscere, ha diversi lati abbastanza nascosti. È anche un incisore, un cantante e un chitarrista. È stato agente ausiliario di polizia della sua comunità di Jefferson Parish, in Louisiana, ed è un fervente buddista, nonché sostenitore della causa dell’indipendenza tibetana. Vegetariano, è anche noto come ambientalista e attivista per i diritti degli animali. Insomma, tutto sommato possiamo stare tranquilli: i legami umanitari fra Mosca e Washington non dovrebbe rinsaldarli spezzando ossa a destra e a sinistra come nei film.