Cliffhanger – L’ultima sfida (Cliffhanger) è un film del 1993 diretto da Renny Harlin.

Il protagonista è l’attore e regista Sylvester Stallone. Il film fu un buon successo commerciale incassando 255.000.211 dollari a fronte dei 70 milioni spesi per produrlo, e la nomination a tre premi Oscar.

Il film è stato prodotto dalla collaborazione tra molte associazioni: Carolco Pictures, Canal+, Pioneer Corporation, RCS Video, e Cliffhanger Productions.




Gli effetti speciali sono stati creati da numerose aziende: Boss Film Studios, The Burman Studio, Cinema Research, Cinesite, Digital Magic Company, The Magic Camera Company, Pacific Data Images (PDI), Spectrum Effects, Video Image, Visual Concept Engineering (VCE), Zoptic.

Per il ruolo di Jessie Deighan si era inizialmente pensato a Dana Delany, ma alla fine fu scelta Janine Turner.




TriStar Pictures aveva programmato nel 1994 un sequel, chiamato “The Dam”, anche se il progetto alla fine non andò a buon fine.

Il film è stato criticato per la sua rappresentazione non realistica dell’arrampicata in montagna.

Il cantante, compositore e musicista britannico Bryan Ferry è stato brevemente tenuto in considerazione per il ruolo di Eric Qualen, passato poi a John Lithgow. Nella pellicola sono apparsi 31 alpinisti molto famosi, tra cui Ron Kauk e Wolfgang Güllich. La controfigura di Stallone durante le scene di free climbing è appunto Güllich, uno dei più grandi arrampicatori di tutti i tempi. È stato il primo ed ultimo film a cui ha preso parte, poiché è morto in un incidente automobilistico il 29 agosto 1992, a soli 32 anni. Il film è stato infatti dedicato a quest’uomo.




La scena in cui un criminale spara verso un coniglio, che aveva con sé il chip di localizzazione dei soldi, originariamente prevedeva la morte dell’animale, ma Stallone sborsò 100 000 dollari per rigirare quella scena e togliere l’assassinio del coniglio dal film.

Inizialmente il film era intitolato “Gale Force”.

Ecco il ricordo di Stallone direttamente dal suo profilo Instagram.

Per divertirsi un pò un flashback di Cliffhanger, dove ci sono io che faccio lo scemo, mi dondolo avanti e indietro su questo monte da noi creato mentre il mio amico Kevin mette in gioco la sua vita, sono quasi 3000 piedi di altezza e la prima volta che sono arrivato sul set ero terrorizzato, quando me ne sono andato non mi faceva più effetto.