Tutto il catalogo dello Studio Ghibli di Hayao Miyazaki e Isao Takahata arriverà su Netflix a partire dal prossimo 1° Febbraio. Lo ha annunciato il gigante dello streaming video, che si è aggiudicato l’esclusiva per i capolavori del premiato studio giapponese per tutti i territori al di fuori del Nordamerica e Giappone. Un vero e proprio colpaccio per Netflix, che riesce così almeno parzialmente a prepararsi allo sbarco in Italia ad Aprile di Disney+, servizio di streaming che fa dell’offerta di contenuti per le famiglie il proprio punto di forza.




Lo Studio Ghibli offre un catalogo di assoluta qualità, con lungometraggi che hanno saputo raccogliere consensi in tutto il mondo, oltrepassando le barriere culturali che hanno spesso relegato l’animazione giapponese a una ristretta nicchia di appassionati. Merito soprattutto della poetica unica del cofondatore Hayao Miyazaki, i cui film faranno da apripista allo sbarco su Netflix dello studio giapponese, secondo il seguente calendario:




●      1° febbraio 2020:

○      “Il castello nel cielo” (1986), “Il mio vicino Totoro” (1988), “Kiki – Consegne a domicilio” (1989), “Pioggia di ricordi” (1991), “Porco Rosso” (1992), “Si sente il mare” (1993) e “I racconti di Terramare” (2006).

●      1° marzo 2020:

○      “Nausicaä della Valle del vento” (1984), “Principessa Mononoke” (1997), “I miei vicini Yamada” (1999), “La città incantata” (2001), “La ricompensa del gatto” (2002), “Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento” (2010) e “La storia della Principessa Splendente” (2013).

●      1° aprile 2020:

○      “Pom Poko” (1994), “I sospiri del mio cuore” (1995), “Il castello errante di Howl” (2004), “Ponyo sulla scogliera” (2008), “La collina dei papaveri” (2011), “Si alza il vento” (2013) e “Quando c’era Marnie” (2014).