Michael J. Fox, pseudonimo di Michael Andrew Fox (Edmonton, 9 giugno 1961), è un attore e doppiatore canadese naturalizzatostatunitense. È famoso soprattutto per l’interpretazione di Marty McFly, protagonista della trilogia di Ritorno al futuro, di Alex P. Keaton nella sitcom Casa Keaton e di Michael Flaherty nella serie televisiva Spin City, grazie ai quali vinse complessivamente quattro Golden Globe, due Screen Actors Guild Awards e cinque Emmy Awards.

Nel 1991, all’età di 29 anni, gli fu diagnosticata una grave forma di malattia di Parkinson giovanile, notizia questa che avrebbe reso pubblica sette anni più tardi, nel 1998. Ciò lo obbligò a ritirarsi quasi del tutto dalle scene dal 2000, ma gli consentì anche di lottare in prima fila per la ricerca sperimentale sulle cellule staminali. Per tale impegno, che lo ha portato anche a istituire la Fondazione Michael J. Fox, il 5 marzo 2010 l’Istituto Karolinska gli ha conferito una laurea honoris causa. Nel 2013 ritorna a interpretare un ruolo da protagonista nella sitcom The Michael J. Fox Show.




Nonostante le sfide che la malattia gli ha posto davanti, Micheal J. Fox ha continuato a fare ciò che amava, ovvero recitare. Dal 2010 al 2016 è apparso nella serie The Good Wife e recentemente è entrato a far parte della seconda stagione di Designated Survivor




Lo scorso marzo è apparso sulla copertina di AARP The Magazine, aprendosi in un’intervista in cui spiega come affronta tutti giorni il Parkinson, sdrammatizzando e ridendo di sé, in particolare quando prova a versare una tazza di caffè per sé o per sua moglie, Tracy Pollan.




Recentemente ha subito un intervento alla spina dorsale.