In It – Capitolo 2 gli attori ‘bambini’ del primo film sono stati ringiovaniti tramite la tecnologia. A rivelarlo è il regista Andy Muschietti, il quale ha spiegato che hanno dovuto usare degli effetti speciali per alcune nuove sequenze/flashback ambientate negli anni ottanta incentrate sul gruppo dei Perdenti da piccoli. 

Molti film negli ultimi anni hanno utilizzato la tecnologia digitale de-aging per far tornare indietro nel tempo alcuni attori (Kurt Russell, Robert Downey Jr., Michael Douglas e, in ultimo, Robert De Niro in The Irishman per citarne alcuni), ma ad oggi tale la tecnologia non era mai stata ancora utilizzata nel genere horror.

Un procedimento necessario, essendo passati due anni dalle riprese di un film e l’altro e i giovani protagonisti sono inevitabilmente cresciuti, data l’età adolescenziale.





Ecco le parole del regista:

“Beh è meglio girare 2 anni dopo che 5 anni dopo. Ma in questi 2 anni sono cresciuti  parecchio. Non tutti però. Sophia [Lillis] è esattamente la stessa. Jaeden anche è praticamente lo stesso. Finn è cresciuto un bel po’, ed è diventato molto alto. Ma sapevamo fin dall’inizio che quegli effetti speciali avrebbero fatto parte del budget. Quindi ringiovaniremo i bambini.”

Come ben sappiamo, il secondo capitolo di It in arrivo a settembre sarà incentrato principalmente sulle versione adulte del Club dei Perdenti, ma i protagonisti del primo capitolo torneranno in una serie di flashback, dunque ritroveremo Jaeden Martell, Wyatt Oleff, Jack Dylan Grazer, Finn Wolfhard, Sophia Lillis, Chosen Jacobs e Jeremy Ray Taylor.

Fonte: Bloody Disgusting