Miriana Trevisan è stata protagonista del panel Cinema e Tv al Ferrara Film Festival, intervistata dalla conduttrice Antonella Salvucci nella splendida cornice di Palazzo Crema.

La conduttrice ricorda anche altri mostri sacri della tv con cui ha lavorato.

“Ho avuto un bel rapporto con tutti loro, ciascuno di loro, lontano dallo schermo, aveva le proprie abitudini: Mike Bongiorno era ossessionato dalla puntualità dei collaboratori, ma lui non ne era un esempio; Vianello era di una gentilezza straordinaria, la sua debolezza era quella di mangiare la cioccolata di nascosto; Corrado era semplicemente inappuntabile”.

Infine, una considerazione su Ferrara:

“I miei ricordi sulla città risalgono a quando studiavo, anni bellissimi tra qui e Bologna. A Ferrara si avverte un profondo senso di cultura diffusa. L’Emilia Romagna si distingue per una grande forza di volontà nel riuscire a farcela sempre con le proprie forze, come il Ferrara Film Festival che nasce dal privato con grandi capacità di emergere e di fare strada”.