Figlio di un diplomatico francese, Christopher Guy Denis Lambert nasce a Great Neck, una ridente località degli Stati Uniti d’America, Contea di Nassau nello Stato di New York,  il 29 marzo del 1957. Lambert passerà alla storia come sex-symbol per un clamoroso errore di valutazione del pubblico femminile: il suo sguardo enigmatico che tanto aveva infranto cuori di donzelle famose (tra cui Sophie Marceau, la nostra Alba Parietti e Diane Lane) e non, è dovuto ad una tremenda miopia che gli impedisce di mettere a fuoco già a breve distanza, particolare che rivelò al pubblico a fine carriera.

Non che la carriera del buon Christopher sia terminata, ma certo è molto ridimensionata rispetto ai fasti degli anni ’80 dove azzecca due titoli come protagonista che lo rendono un attore di fama planetaria: nel 1984 è Tarzan ne La Leggenda di Greystoke, e nel 1986 interpreta il ruolo che lo rende immortale, nel senso cinematografico del termine, ovvero Connor Mc Leod nel film Highlander (con due sequel), dove conosce anche quello che sarà poi un amico fraterno, Sean Connery. Dopo tanti film, tra cui Mortal Kombat, dove interpretava Raiden, la carriera di Lambert non riesce a rimanere ad alti livelli, senza però sparire mai del tutto. Diciamo che ha limitato molto, la sua carriera. Proprio quest’anno l’abbiamo visto nei panni del cattivo nella serie “La Dottoressa Giò”con Barbara D’urso (essere immortale non è proprio un vantaggio se poi arrivi a recitare con la D’Urso). Christopher ha ora una nuova, giovanissima fidanzata: Camilla Ferranti, conosciuta proprio sul set della Dottoressa Giò. In una recente intervista sul set ha dichiarato: «Ho adorato poter interpretare un cattivo. Ho girato più di 80 film e ho sempre fatto la parte del buono che vuole salvare il mondo. Questa è stata una bella novità per me, anche perché il mio sogno è fare il cattivo in un film di 007!». Magari Chris, te lo auguriamo. Auguri!