L’autopsia conferma la sua causa di morte di Erin Moran. La relazione (inclusi i risultati tossicologici) apparsa su ET ha confermato che la stella di Happy Days è morta naturalmente per complicazioni di un cancro della fase 4.

Nessuna sostanza illegale o stupefacente è stata trovata nel suo sangue.


Moran, 59 anni, è stata trovata morta il 22 aprile dalle autorità in Indiana dopo aver ricevuto una chiamata a 911. I rapporti precedenti del Dipartimento di Sheriff della contea di Harrison e dell’ufficio del Coroner della Contea di Harrison avevano affermato che l’attrice “probabilmente era morta per complicazioni a causa di un cancro in fase 4”. L’attrice era conosciuta per il suo ruolo di Joanie Cunningham in Happy Days. La serie tv è durata per 11 stagioni.

Nei giorni successivi alla morte il suo collega Scott Baio si era pronunciato così riguardo la sua morte.




“Mi dispiace ma Dio ti ha dato un cervello, ti ha dato la volontà di vivere e prosperare e devi prendersi cura di te”.

In molti si erano chiesti se la sua prematura morte fosse dovuta all’abuso di droga e alcol. Anche il marito di Moran, Steven Fleischmann, ha scritto una lettera aperta sugli ultimi giorni della moglie e sul suo cancro.




“Fa molto male, è stato così veloce”, Mi sono addormentato, mi sono svegliato circa un’ora dopo, tenendo ancora la mano e lei è andata via”.

Ora finalmente la faccenda si chiude lasciandola riposare in pace.