Sono giorni di fuoco questi per Johnny Depp.

Il celebre attore sta affrontando in tribunale un processo per diffamazione contro il tabloid britannico The Sun, che nel 2018 lo aveva definito un “picchiatore di mogli”, per via delle presunte violenze ai danni dell’ex moglie Amber Heard.





La causa, che vede coinvolta anche Amber Heard, si sta portando avanti senza esclusioni di colpi; proprio lei ha portato in aula alcune foto volte a dimostrare che Depp sarebbe “un uomo spesso fuori controllo”: il primo scatto mostra quello che secondo l’attrice sarebbe il “tavolo della colazione di Depp”: 4 strisce di cocaina e whisky in abbondanza.

Un altro scatto mostra il divo accasciato sul pavimento, secondo la sua ex proprio a causa dell’effetto combinato di alcol e droghe, cosa che dovrebbe provare che gli scontri fisici tra i due sposi fossero causati dagli stati di alterazione dell’attore. Johnny Depp ha negato con veemenza la violenza ammettendo di aver fatto ampio consumo di droga, ma senza comportamenti violenti verso l’ex moglie.

Qualche giorno fa davanti all’Alta Corte di Londra, lo stesso Depp aveva ammesso di aver fornito della droga alla figlia Lily Rose quando aveva appena 13 anni, in accordo con la sua compagna di allora, Vanessa Paradis:

Era andata ad una festa e aveva fumato cannabis che le era stata data da qualcun altro, così d’accordo con Vanessa abbiamo deciso che se Lily-Rose voleva fumare era meglio se fossimo noi a fornirle marijuana controllata.

Un rapporto con le droghe che Johny Depp si porta avanti da tantissimi anni, cominciato per via di una situazione familiare difficile, come ha raccontato:

Dai 14 anni in poi ho preso ogni tipo di droga. Ero molto giovane. Non era un momento particolarmente stabile della mia vita famigliare. Mia madre mi chiedeva di andare a prendere le sue pillole per i nervi. Avevo circa 11 anni… Quelle pastiglie la calmavano e così cominciai a prenderle anch’io. Il mio uso di droghe è cominciato così. Scoprii presto che droga e alcol erano le uniche cose che mi facevano tenere sotto controllo il dolore e la rabbia.