Come apprendiamo da Discussing Film, il regista Edgar Wright (L’alba dei morti dementiHot FuzzLa fine del mondoBaby Driver) ha rivelato, durante una proiezione speciale di Shaun of the Dead, di aver rifiutato la regia del remake di Un Lupo Mannaro Americano a Londra, il cult horror del 1981 diretto da John Landis.

I piani di un remake del celebre film erano emersi nel 2016, su una sceneggiatura di Max Landis, figlio di John. La notizia ha da subito scatenato non poche polemiche, e nel corso dei mesi sia Landis padre che figlio si sono espressi a riguardo. A fine 2017 Max Landis ha terminato la prima stesura dello script, ma da allora non si è più saputo nulla del progetto, se non che David Alpert (‘American Ultra’), Todd Garner (‘Radio’), Matt Smith (‘Maleficent’), Robert Kirkman (‘Fear the Walking Dead’) e Andrew Trapani (‘Winchester’) sarebbero i produttori con John Landis come produttore esecutivo.

Come rivelato, Wright ha deciso di rifiutare il lavoro commentando che per lui l’originale “è uno di quei film da portare su un’isola deserta”e che non lo vorrebbe vedere rifatto”.




Slashfilm ha contattato il regista, che ha confermato tutto:

È stato anni fa, molto prima che Max Landis fosse coinvolto nel progetto. Non era stata ancora scritta alcuna sceneggiatura: c’era solo l’idea di farlo. John Landis, che io adoro, me lo chiese e io risposi che per quanto mi riguarda il film originale è perfetto, e che non avrei avuto nulla da aggiungere a esso.