Andrea Camilleri è stato ricoverato nella giornata di ieri all’ospedale Santo Spirito di Roma per un arresto cardiaco. Oggi il bollettino dei medici afferma che le sue condizioni sono stazionarie ma rimangono critiche

Vi riportiamo le parole del direttore dell’ospedale dove è ricoverato il celebre scrittore siciliano, papà di Montalbano:

“La forte fibra del paziente ci sta consentendo di proseguire come programmato l’iter diagnostico-terapeutico, con l’intento di supportare e stabilizzare la funzione degli organi vitali. Le condizioni cliniche sono stazionarie ma sempre critiche – ha aggiunto – La prognosi rimane riservata.




Lo scrittore siciliano, 93 anni, ha avuto un malore mentre si trovava a casa sua ed è arrivato al pronto soccorso in arresto cardiaco. Al pronto soccorso, come spiega sempre il direttore Ricci, gli è stata praticata la rianimazione cardiorespiratoria che ha permesso il ripristino dell’attività cardiocircolatoria. Ora si trova in rianimazione con supporto respiratorio meccanico e supporto farmacologico.

Camilleri ha superato la soglia dei novant’anni e, oltre ad essere indebolito dall’età, ha subito di recente anche un’operazione per la rottura del femore, avvenuta dopo una brutta caduta in casa. 

Nell’attesa di aggiornamenti, ci auguriamo di cuore che il Maestro riesca a riprendersi!




Fonte: Il Fatto Quotidiano