Distretto di Polizia ha compiuto 20 anni e il cast è stato intervistato. Queste sono state le dichiarazioni di Ricky Memphis.




Per la prima volta facevo una lunga serialità, avevo molta curiosità ed entusiasmo. Inizialmente il progetto comprendeva anche Giuseppe Fiorello, ma poi non si concretizzò. C’era un ambiente talmente familiare e divertente che son riuscito a tirare avanti per sei anni, finché non ce l’ho più fatta. Dieci mesi all’anno per dieci scene al giorno… Se avessi avuto la possibilità di fare un anno di pausa magari sarebbe stato diverso.




Poi riguardo a Mauro Belli, il suo personaggio

Mauro Belli l’ho interpretato talmente per tanto tempo, l’ho fatto talmente tanto mio che è come se fossi io. La sua fine è rimasta in sospeso, ambigua, ma a me non piaceva l’idea del rientro, mi sembrava una trovata da soap opera e il pubblico era attento e intelligente. È stato il set fondamentale anche per la mia vita privata: lì ho conosciuto la mia compagna, era l’aiuto regista.