Sono passati 41 anni dall’uscita di The Warriors – I guerrieri della notte, ma anche all’ennesimo rewatch questo cult non smette mai di entusiasmarci. Il film diretto da Walter Hill risulta un ‘tesoro’ cinematografico da custodire,  vuoi per l’ambientazione di una New York che ormai non esiste più, vuoi per il ritmo incalzante della corsa verso Coney Island a metafora di un viaggio da antologia, scandito da una colonna sonora perfetta e infine per una caratterizzazione delle gang entrata con grande spinta nella cultura popolare.

La trama è molto semplice: i protagonisti, membri della gang dei Guerrieri, sono costretti ad attraversare New York da nord a sud, dal Bronx fino a Coney Island, il quartiere da loro gestito. 48 chilometri di un percorso a ostacoli: tutte le altre gang, infatti, li vogliono morti perché sono stati incolpati dell’uccisione di Cyrus, leader della gang più potente della città e promotore di una tregua dissoltasi con la sua morte. 

Andando a spulciare il web in cerca di curiosità e informazioni sul film, siamo incappati in un video (purtroppo solo in lingua inglese) che contiene ben 9 minuti di scene tagliate dalla versione definitiva.

Ve lo postiamo in calce all’articolo, descrivendovi le scene.





Descrizione delle scene tagliate 

Un grande taglio è stato fatto ad una scena che  avrebbe dovuto essere posta all’inizio del film come introduzione: siamo a Coney Island e i Warriors discutono sull’imminente adunata di tutte le gang organizzata dal leader Cyrus. Prima c’è un dialogo tra Cleon e la sua ragazza (?) (qui andiamo un po’ per deduzione) nel quale lei gli esprime le sue preoccupazioni sul grande incontro. “Ho un presentimento… non voglio che ti vai a ficcare in una situazione del genere nel Brox inoltrato. Non ci sei nemmeno mai stato lì.” (E infatti, c’aveva anche ragione, visto che poi lui ci lascia le penne).

Si prosegue poi con Cleon e il suo discorso da leader: presenta i Guerrieri, chiamandoli per nome e spiega i ruoli che avrebbero avuto nella grande adunata. “So che molti di voi non sono contenti di andarci. Ma ricordatevi che voi siete stati scelti tra più di 100 persone della nostra famiglia per questa spedizione. Questo vi rende speciali”. Tale scena, a mio modesto parere, avrebbe potuto benissimo non essere tagliata, dato che ci presenta i protagonisti aiutandoci ad addentrarci nel racconto. 

Altra scena: vediamo Ajax rivelare a Swan i suoi dubbi sull’adunata. “Che cosa ti turba? Hai un problema?” – “Sì, ce l’ho. Non mi piace dove ci stiamo andando a ficcare. La cosa mi puzza.” – “Ci andiamo, come fanno tutte le altre gang”. – “Solo perché un cretino di nome Cyrus vuole farlo, non significa che sia una cosa buona. Sono stufo di sentir parlare di questo Cyrus”  – “Questo è quello che faremo. E tu obbedirai, così come gli altri”. In seguito, verso la fine del film, quando Swan apprende che Ajax è stato preso dalla polizia, si sentirà in colpa per essere stato proprio lui a dirgli di andare. 

Si prosegue poi con la scena nella quale i Guerrieri stanno cercando il luogo del raduno ed esprimo le loro costernazioni e dubbi sull’essere stati incastrati, visto che inizialmente non vedono nessuno. Poco dopo, però, trovano tutta l’altra gente e il capo Cyrus che comincia il suo discorso. 

Brevi scene tagliate ci mostrano gli aggiornamenti che arrivano al nuovo capo dei Riffs (subentrato dopo la morte di Cyrus) sui risultati della caccia ai Guerrieri: dapprima viene informato del fallimento dei Turnbull Ac’s, poi anche di quello della polizia e dei Baseball Furies. A seguire, vediamo la speaker Dolly Bomba dare la notizia alla radio.

Le ultime scene tagliate sono molto brevi e ci mostrano prima l’incontro dei Guerrieri con i Punks davanti ai bagni, poi l’arrivo, verso il finale del film, della macchina con Luther, con i Guerrieri nascosti sotto un pontile. 




Il video