Nada Malanima, nota semplicemente come Nada, è una cantautrice, attrice e scrittrice toscana. Nada ha avuto una carriera ricca di successi con “Amore disperato“, “Ma che freddo fa“, “Il cuore è uno zingaro” e tanti altri. Dopo aver segnato un’epoca, ecco cosa fa oggi.

Gli inizi

Nada Malanima è nata a Gabbro, frazione di Rosignano Marittimo (in provincia di Livorno) il 17 novembre 1953.  A 15 anni ha debuttato a Sanremo con “Ma che freddo fa”, mentre a 17 ha vinto il concorso con la canzone “Il cuore è uno zingaro”. Il successo arriva negli anni ’70, quando l’artista decide di abbandonare il pop dell’adolescenza per avvicinarsi al cantautorato di Piero Ciampi e di altri grandi nomi della musica italiana.

Anni ’80

Nel 1983 passa alla EMI ed esce l’album Smalto trainato dalla celeberrima Amore disperato che diventa immediatamente uno dei tormentoni dell’anno nonché uno dei brani italiani simbolo degli anni ottanta e che sarà riscoperto anche successivamente oltre a essere riproposto dal gruppo Super B. Sempre nel 1983 la cantante ottiene la vittoria nell’ambito di varie popolari rassegne tra cui Festivalbar, Vota la voce come miglior cantante donna dell’anno e Azzurro insieme alla collega Alice.

L’anno seguente esce il singolo Balliamo ancora un po’ con il quale partecipa nuovamente al Festivalbar e Vota la voce riscuotendo un discreto successo. Negli LP Noi non cresceremo mai (1984) e Baci rossi (1986) l’artista lascia ampio spazio all’elettronica senza ottenere il successo degli anni precedenti.

Vita privata

Nada è sposata? Sì, la cantante è impegnata con lo stesso uomo da più di quarant’anni. E non uno qualsiasi: il marito di Nada è Gerry Manzoli, il bassista dei Camaleonti, popolare complesso musicale degli Anni Sessanta. “Gerry si è dedicato totalmente a me. Io sono pigra, se non ci fosse stato lui a spingermi e spingermi, avrei fatto molto meno di quello che ho fatto” ha raccontato la Malanima al Corriere della Sera, dichiarandosi profondamente innamorata della persona con la quale ha condiviso e continua a condividere un lungo pezzo di vita. La coppia ha una figlia, Carlotta, che lavora come direttore di produzione nel cinema. Il rapporto tra le due? “Ho avuto un rapporto complicato con mia madre, perché non mi voleva far crescere e ho sempre pensato che con Carlotta non avrei fatto la stessa cosa. Forse ci sono riuscita, pur con tutti i problemi che ci possono essere fra una madre e una figlia” ha confidato l’artista a Unicooptirreno.

Oggi

Nel 2013 ha scritto un brano per Ornella Vanoni dal titolo “Il bambino sperduto“. Negli anni ha collaborato più volte con i Zen Circus ma anche con Motta.Non solo la musica, Nada, ha scritto anche cinque libri. “Le mia madri”, “Il mio cuore umano”, “La grane casa”, “Leonida” e “Materiale domestico”.

Il 10 marzo 2021, su Rai 1, in onda il film tv diretto da Costanza Quatriglio tratto dal libro di Nada “Il mio cuore umano”. Il film dal titolo “La bambina che non voleva cantare”è la trasposizione cinematografica della biografia della cantante. Nel film, ad interpretare Nada, è  la giovane Tecla Insolia.