Arriva dopo anni e anni di assenza un nuovo videogioco dedicato al tennis: si tratta di Tennis World Tour, sviluppato da Breakpoint Studio e pubblicato da Bigben Interactive per Nintendo Switch, Playstation 4, Xbox One e Microsoft Windows.

I più affezionati a questo sport e al mondo dei videogiochi ricorderanno senza dubbio il precedente titolo, l’ultimo, Top Spin 4, gioco veramente ben fatto che ci aveva soddisfatto sotto tantissimi livelli. Il paragone tra Tennis World Tour e Top Spin è inevitabile, trattandosi della stessa materia, e purtroppo è palese che il nuovo non riesca a superare il vecchio, uscendone di gran lunga sconfitto. 

Cerchiamo di descrivere un po’ cosa ci offre TWT e vedere cos’è che non va. 




Nel menu iniziale abbiamo a disposizione 5 modalità:

CARRIERA: non male, con un calendario dei tornei, esibizioni, meeting, allenamenti e riposo per recuperare energie; bene anche la gestione dei cartellini abilità, gestione dei punti guadagnati e la possibilità di assumere allenatore e manager.

ACCADEMIA: utile inizialmente per imparare i comandi del gioco e migliorare, facendo allenamenti.

ESIBIZIONE: ti permette di sfidare il computer o un amico in Player 2, ma con la grave l’assenza del doppio.

GIOCO ONLINE: attualmente non ancora disponibile… grande pecca.

IL MIO GIOCATORE: ti permette di creare il tuo/la tua tennista, ma si presenta davvero come troppo poco personalizzabile tra la sola scelta del sesso, muscolatura, altezza, racchetta e vestiti e un viso tra i 10 già disponibili, senza poter decidere nulla sul colore dei capelli, barba, forma del viso, occhi ecc.




È purtroppo scarna la scelta dei giocatori ‘di punta’ disponibili, con il solo nome di Roger Federer (il che basterebbe pure :lol:), ma mancano grandi rivalità e possibili sfide con Rafael Nadal e Novak Djokovic. Per i più nostalgici, sono presenti solo due vecchi campioni, ovvero Andrè Agassi e John McEnroe. 

Passando alle cose tecniche, ovvero i movimenti e la grafica, ci duole dire che nessuno dei due raggiunge la sufficienza: il sistema di controllo dei comandi è lento e mal calibrato, la simulazione assolutamente poco realistica, con tanto di recuperi impossibili al di là della fisica umana. La grafica è tanto sottotono, quasi fosse una versione beta. Telecronaca italiana irritante e davvero inutile. Tanto grave, poi, l’assenza della modalità online, ma anche delle partite in doppio, dato che si può giocare solo in singolare. 

Abbiamo conferma che stanno progettando dei DLC, ovvero dei contenuti aggiuntivi scaricabili per compensare alcune delle mancanze sopracitate, probabilmente disponibili dal 12 giugno prossimo, in concomitanza con la pubblicazione delle versioni Nintendo Switch e PC. È importante sottolineare, dunque, che questo Tennis World Tour non è una versione completa al 100%. Speriamo che gli aggiornamenti futuri riescano a risollevare un po’ le sorti di questo videogioco, perché è veramente un peccato non aver sfruttato al meglio un’occasione del genere.