I due amici Tom Hanks e Bruce Springsteen hanno condiviso le poltroncine del Tribeca Film Festival panel venerdì 28 aprile per parlare dell’inimitabile ruolo che Springsteen ha occupato nella storia della musica americana, dedicando parte della conversazione a Jonathan Demme, regista che li ha fatti lavorare insieme nel film “Philadelphia”, scomparso due giorni prima dell’evento.

Philadelphia, uscito nel 1993, avviò la carriera di un giovane Tom Hanks, facendogli vincere il suo primo Oscar per Miglior Attore protagonista, premio che vinse anche Bruce Springsteen per la Miglior Canzone “Street of Philadelphia”, che si sente in apertura di film.


Le parole di Tom Hanks:

“Credo che l’unione più forte tra i nostri due nomi (intendendo quello suo e di Springsteen) è Philadelphia. Che Dio benedica Jonathan Demme”.

Springstreen aggiunge:

“L’abbiamo appena perso. Era un uomo così stimolante. No Jonathan Demme, no Philadelphia, no Streets of Philadelphia.


La rockstar americana ha poi raccontato di come si è svolta la sua collaborazione con Demme per la colonna sonora del film. “Era già stato scritturato Neil Young, che infatti aveva creato la canzone “Philadelphia” per la fine. Ma Jonathan voleva una canzone rock per l’inizio, quindi gli ho detto che ci avrei provato io. Mi chiusi nello studio e provai a fare qualcosa per un giorno intero. Non avevo nulla di concreto, avevo qualche parola e alla fine me ne uscii con quel piccolo beat e una traccia che immaginavo non fosse ciò che voleva, ma gliela inviai lo stesso. Lui mi inviò il pezzo iniziale del film, dove la telecamera si muove lentamente con Philly. Gli chiesi cosa ne pensasse della traccia e mi rispose che andava alla grande. Così è andata, ci sono voluti due giorni”.

 Fonte:  http://www.hollywoodreporter.com/news/bruce-springsteen-tom-hanks-salute-philadelphia-director-jonathan-demme-tribeca-2017-998665?facebook_20170501