È stato l’anima dei primi quattro film di Scuola di Polizia, Steve Guttenberg, l’indimenticabile interprete di Carey Mahoney, ma anche di tante altre pellicole cult degli anni ’80. In occasione del suo 64esimo compleanno, andiamo a scoprire com’è proseguita la sua carriera e come se la passa oggi. 

Steve Guttenberg, la carriera

Steve debutta a soli diciannove anni nel film The Chicken Chronicles del 1977, imponendosi all’attenzione generale l’anno successivo con I ragazzi venuti dal Brasile. Nel 1980 ha girato Can’t Stop the Music insieme ai Village People, film ambientato nell’epoca della disco music, mentre nel 1984 interpreta il ruolo che lo ha reso più celebre, l’agente di polizia Carey Mahoney, lo scalmanato cadetto costretto ad arruolarsi in accademia per evitare la galera dopo l’ennesima bravata. Guttenberg interpretò il personaggio fino al quarto capitolo, Scuola di polizia 4 – Cittadini in… guardia, uscito nel 1987. 

In quegli anni apparve in tanti altri film cult del periodo, tra cui Cocoon – L’energia dell’universo di Ron Howard, Corto Circuito e Tre scapoli e un bebè, con Tom Selleck e Ted Danson, a cui fece seguito Tre scapoli e una bimba.

LEGGI ANCHE: Scuola di Polizia 5: perché Steve Guttenberg abbandonò il ruolo di Mahoney?

Nel 1995 recita al fianco delle gemelle Olsen nella commedia Matrimonio a 4 mani, mentre nel 1997 interpreta il papà del protagonista del prequel di Casper. Nel 2002 debutta come regista in P.S. Your Cat Is Dead! e nel 2006 lo vediamo prender parte ad alcuni episodi della serie televisiva Veronica Mars. Negli ultimi anni è apparso nella serie Ballers, The Goldbergs e nell’ultimo film di Woody Allen, Rifkin’s Festival

Ha annunciato nel corso degli anni Duemila che si stava lavorando ad un nuovo sequel sia per Scuola di polizia che per Tre scapoli e un bebè, ma alla fine i progetti non si sono ancora concretizzati.

Qui alcuni recenti video del suo profilo Instagram:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Steve Guttenberg (@steveguttenberg)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Steve Guttenberg (@steveguttenberg)