Johnny Depp ha raccontato a “Rolling Stone Usa” del bruttissimo periodo da cui sembra non essersi ancora ripreso. L’attore è diventato depresso quando la sua vita privata e finanziaria sono crollate, ricordando di aver “toccato il fondo come mai prima di allora”. Ha anche ammesso la sua passione per il bere:




“È offensivo dire che ho speso 30.000 dollari per il vino. Perché era molto di più”.

Nel giro di pochi mesi l’attore si è visto crollare addosso tutto. Ha perso la madre a cui era legatissimo (“La mia mamma è stata forse l’essere umano più significativo mai incontrato nella mia vita”), ha dovuto affrontare ildivorzio da Amber Heard (che lo ha anche accusato di violenza) e ha perso parte del suo patrimonio. Depp racconta al giornalista Stephen Rodrick che a causa del matrimonio con Amber si siano guastati i rapporti con sua sorella Christi mentre il resto della famiglia gli aveva consigliato invano di firmare un accordo prematrimoniale.




Poi ammette come il divorzio e i problemi legali abbiano scatenato il lui la depressione, arrivando anche a pensare al suicidio (“Il prossimo passo sarebbe stato arrivare in un posto con gli occhi aperti e lasciarlo con gli occhi chiusi”).

Ma è riuscito a riprendersi andando in tour con gli Hollywood Vampires e scrivendo un’autobiografia su una vecchia macchina da scrivere (“Mi versavo una vodka la mattina e iniziavo a scrivere finché le lacrime mi riempivano gli occhi e non riuscivo più a vedere la pagina”).




Nell’articolo sul magazine americano è evidente il rapporto di Depp con alcool e droghe da come Rodrick descrive la casa affittata dall’attore a Highgate, Londra, tra spinelli lasciati in bagno e cumuli di tabacco e hashish in bella vista. A proposito di sostanze stupefacenti ha detto che avrebbe usato l’LSD per accelerare la cattura di Osama Bin Laden (“Se avessero saturato la zona con LSD 25, ogni singolo essere vivente sarebbe uscito fuori dalle grotte sorridendo”).



FONTE TGCOM