In una sua ultima intervista, il grande attore comico Jerry Lewis, scomparso domenica 20 agosto all’età di 91 anni, si è aperto condividendo pensieri sulla sua vita, la sua arte e su tutte le cose che ancora aveva in progetto di fare.

Abbiamo raccolto qui alcune sue importanti parole:

Quando lavori e fai quello che ami non pensi tanto alla tua età, ma in realtà so che mi sta rimanendo poco e ho un sacco di cose da fare in un tempo limitato. 





Nonostante l’età e i numerosi problemi di salute, Lewis non aveva mai smesso di fare cosa amava. Il comico dall’inconfondibile stile, gestualità e mimica facciale può vantare di oltre 80 anni di carriera oltre che di un generoso contributo innovativo al cinema. 

Negli ultimi anni si è trovato costretto ad ammettere che l’età stava diventando un problema:

Cominci a sentirti limitato… ora non potrei, ad esempio, subire una caduta  come ne subivo a vent’anni. Si pensa molto alla vecchiaia, ma quando ci arrivi non è come avevi pensato. La cosa che credo mi disturbi più di qualsiasi altra è che non posso cadere come cadevo prima. 

Se c’è una cosa che non è mai cambiata, però, è l’eccitazione di stare davanti una cinepresa. Quella non finisce mai. Sono proprio la gioia e l’entusiasmo di fare ciò che ami che ti fanno andare avanti.

Nel 1983 si è sposato con SanDee Pitnick, definita, “il suo braccio destro, sinistro, le sue gambe, labbra, testa e occhi, una di quelle cose per cui ritenersi fortunato”.

Fonte: http://ew.com/movies/2017/08/20/jerry-lewis-last-interview-before-death/