L’urlo di Chen terrorizza anche l’occidente (猛龍過江) è un film del 1972 scritto, diretto, interpretato e co-prodotto da Bruce Lee. Tra gli altri interpreti, nel cast spicca l’allora esordiente attore Chuck Norris.

Il tratto più importante del film è la sfida finale nel Colosseo tra Lee e Norris, che rimanda ai combattimenti tra gladiatori. 

(Clicca qui per leggere Bruce Lee che fece ingrassare Chuck Norris)

TRAMA

Yen Chen parte da Hong Kong per Roma per aiutare uno zio di famiglia, la cui nipote Lao-Shan ha aperto un ristorante insieme a un gruppo di amici, che oltre al loro lavoro abituale studiano anche il karate, e al cugino Wang, il cuoco. Il ristorante suscita l’interesse della mafia locale, che intende trasformarlo in una centrale di spaccio della droga. Non riuscendo a convincere i proprietari a venderglielo con le buone, i malavitosi cercano di intimidirli, ma Chen riesce a sconfiggerli facilmente.

LA SCELTA DI BRUCE LEE

L’attore scelse Chuck Norris per vari motivi. Il sito IMDB riporta che la scelta fu dovuta al fatto che era uno dei pochi esperti di arti marziali abbastanza veloce da affrontarlo. Chuck ha chiesto a Bruce se il motivo era perchè voleva combattere contro il campione (all’epoca, Norris era il campione di karate americano) ma Bruce Lee rispose:  “No, io voglio uccidere il campione“. Inoltre il regista fece ingrassare Chuck Norris per farlo sembrare più grande e maestoso davanti alle telecamere. I due, durante le riprese, in alcuni momenti si sono realmente colpiti. 

LA DURATA DELLE RIPRESE PER LA SCENA DEL COMBATTIMENTO

Il combattimento fra Lee e Norris richiese tre giorni di riprese e venti pagine di copione, dettagliatamente coreografate da Lee stesso. Il service che aiutò Lee nelle riprese romane era fornito dal produttore Riccardo Billi, che sposerà l’attrice e modella Malisa Longo (scelta da Lee per il ruolo della prostituta a piazza Navona). Billi rifiuterà la proposta di Lee di investire 120 milioni di lire nel film successivo (Game of Death) giacché l’attore cinese era allora quasi sconosciuto fuori da Hong Kong. Il film in Italia arriverà solo nel 1974 e sarà un grande successo.