Robert Englund non crede che rivestirà i panni di Freddy Krueger ancora una volta. Il celebre attore settantaduenne si ritiene troppo anziano per il ruolo, ma non esclude la volontà di essere coinvolto in un ipotetico reboot di Nightmare On Elm Street qualora il progetto si concretizzerà.

Non credo che mi ritrasformerò con tutto il make up che comporta. Sono un po’ troppo vecchio per quello. È tardi per ritornare ad essere Freddy ora. Se lo facessi sarebbe una cosa tipo Freddy vs. Viagra.




Per quanto riguarda l’idea del reboot, Englund afferma:

“So che i diritti di Nightmare On Elm Street sono tornati alla famiglia di Wes Craven. E so che hanno esaminato molti consigli e idee diverse. Spero che siano di mentalità aperta, perché ci sono molti giovani sceneggiatori e aspiranti registi-sceneggiatori che sono praticamente ossessionati dal genere horror e hanno alcune idee interessanti. Mi piacerebbe essere invitato di nuovo se decidono di fare A Nightmare On Elm Street Part 3: The Dream Warriors”.




Sull’eventuale cameo che gli piacerebbe recitare:

“Mi piacerebbe molto tornare e interpretare l’analista dei sogni (il personaggio della dottoressa Elizabeth Simms, interpretato da Elizabeth Pointer), la donna delle sedute di terapia che non crede che possa esistere un incubo collettivo comune ad un gruppo di persone. Penso che sarebbe divertente per i fan, sarebbe divertente per me recitare la parte originariamente interpretata da una donna e capovolgerla. Penso che ci sia una sorta di tradizione di un cameo del genere all’interno dell’horror, quindi sarebbe divertente per me. Ma non ho idea se andranno avanti o creeranno storie completamente nuove o se torneranno indietro e realizzeranno prequel o storie originali sul mito di Freddy Krueger. Non so cosa stiano facendo, quindi sono in attesa di ascoltare”.

Fonte: MovieWeb