“E’ una storia ridicola e decisamente falsa”.

Sylvester Stallone replica così alle accuse di molestie sessuali mosse contro di lui da una donna secondo il britannico Daily Mail. L’episodio risalirebbe agli anni ottanta a Las Vegas, quando aveva sedici anni e Stallone l’avrebbe costretta a un rapporto sessuale con lui e il suo bodyguard. Secondo il magazine che ha dichiarato di aver letto il rapporto della polizia, il bodyguard Michael ‘Mike’ De Luca avrebbe forzato l’allora teenager ad un rapporto orale, prima di violentarla mentre Stallone si faceva praticare sesso orale. I due avrebbero successivamente minacciato la vittima che avrebbe raccontato tutto alle forze dell’ordine senza però sporgere denuncia perché “si vergognava e si sentiva umiliata, oltre ad essere spaventata”. Stallone ha replicato alle accuse attraverso la portavoce Michelle Bega:



“Si tratta di una storia ridicola e assolutamente falsa. Nessuno sapeva nulla di tutto ciò prima che venisse pubblicata la notizia del Daily Mail, incluso Mr. Stallone. Non è mai stato contattato dalle autorità o da chiunque altro sulla questione. Non è mai accaduto”.





Non è la prima volta che l’interprete di “Rocky” viene accusato di molestie sessuali: nel 1987 la sorellastra Toni-Ann Filiti, morta nel 2012, denunciò di essere stata stuprata e abusata per anni da lui. Stallone ha sempre respinto con forza le accuse e non è stato mai condannato per i fatti, anche se il caso venne chiuso solo con un risarcimento milionario alla Filiti.