Altrimenti ci arrabbiamo! è un film del 1974 diretto da Marcello Fondato, molto amato dai telespettatori nonché uno dei film più importanti di Bud Spencer e Terence Hill. Fu il settimo che girarono insieme ed è pieno di scene iconiche, da quella del coro, alla scazzottata in palestra fino alla mitica Dune Buggy, la macchina gialla e rossa protagonista del film come “pomo della discordia” della vicenda.

Tra qualche giorno uscirà al cinema un remake, descritto come un “omaggio al film originale”, che avrà protagonisti Edoardo Pesce, Alessandro Roia, Alessandra Mastronardi e Christian De Sica (clicca qua per vedere il trailer).

TRAMA

Ben e Kid, amici ma rivali, sono rispettivamente un meccanico ed un camionista accomunati dalla passione per le corse automobilistiche. Vincitori a pari merito di una frenetica gara di rallycross, durante la quale hanno più volte tentato di speronarsi a vicenda, ricevono in premio una dune buggy rossa con la capotte gialla nuova di zecca; non potendo dividerla, decidono di contendersela. Kid propone una gara a chi beve più birra e mangia più salsicce, così i due vanno in un locale del vicino luna park per disputarsi il trofeo. La sfida viene però interrotta da una banda di sicari al servizio del Capo, uno speculatore edilizio intenzionato a demolire il luna park per costruire dei grattacieli; essi distruggono il locale, così Ben e Kid sono costretti ad interrompere la sfida. All’uscita si imbattono in uno dei malintenzionati, che sperona la loro dune buggy facendola incendiare.

LEGGI ANCHE: …Altrimenti ci arrabbiamo, Bud Spencer e Terence Hill in versione Lego fanno impazzire i fan

Ecco tre interessanti curiosità che abbiamo trovato del film: 

BUD SPENCER IMPROVVISÒ IL BALBETTIO NELLA SCENA DEL CORO

Terence Hill, in un’intervista rilasciata a Le Iene nel 2018, ha dichiarato che il “balbettìo” messo in scena da Bud Spencer durante il coro dei pompieri fu un’invenzione dello stesso Spencer. L’attore ha confermato l’aneddoto anche nel corso di un incontro avvenuto per la presentazione del blu-ray del film “Il mio nome è Thomas“, come potete vedere nel video qua di seguito:

“La canzone l’ha scritta lui… Bud Spencer si è inventato lui questo BEBEBE, il regista disse che cos’è questa cosa…ma poi alla fine vide che era divertente…c’era molta improvvisazione nei nostri film.”

I PUNTI DI SUTURA DI TERENCE HILL

Sempre nella stessa intervista a Le Iene, Terence Hill dichiarò che i medici dovettero applicargli quattro punti di sutura dopo aver girato la scena dell’ultima scazzottata. In quella scena uno degli scagnozzi del Capo tenta di colpire Terence con una panca, ma lui si abbassa e si rialza repentinamente, quindi la panca manca il bersaglio e si schianta contro il muro. La scena fu ripetuta per tre volte, ed al quarto tentativo, essendo terminate le panche finte e da scena, si optò per usarne una vera; Terence si rialzò troppo presto e la panca lo colpì.

IL RAZZO LANCIATO DA BUD SPENCER COLPÌ REALMENTE 3 PERSONE

Lo stuntman francese Rémy Julienne ha raccontato che la scena in cui Spencer lancia il razzo del luna park così forte da farlo uscire dal binario su cui scorre accadde realmente a causa di un errore commesso dagli addetti agli effetti speciali; tre persone dello staff rimasero ferite.

LEGGI ANCHE: CHE FINE HA FATTO IL CECCHINO MANUEL DE BLAS DI ALTRIMENTI CI ARRABBIAMO?