Negli anni novanta e inizio duemila, Katharina Böhm era un volto molto noto della televisione italiana, soprattutto grazie a due fiction in particolare: “Amico Mio” e “Montalbano”. Ormai sono parecchi anni che non la si vede più sul nostro piccolo schermo: com’è diventata? 





Carriera

Attrice austriaca ma nata in Svizzera nel 1964, Katharina è figlia dell’attore austriaco Karlheinz Böhm, (Francesco Giuseppe I d’Austria nella trilogia de La principessa Sissi) e dell’attrice polacca Barbara Lass, ex moglie del regista Roman Polański.

Cominciò la sua carriera da attrice a 13 anni, quando venne scelta per interpretare la parte di Clara nel telefilm Heidi derivato dell’omonimo cartone animato. A 23 anni inizia a girare il primo di 39 episodi della fortunata serie L’eredità dei Guldenburg per poi dedicarsi al mondo del teatro fino agli anni novanta. È infatti nel 1993 che ottiene la parte della dottoressa Angela Mancinelli nella fiction italiana Amico Mio dove recita affianco a Massimo Dapporto. 

Nel 1999 riconquista il pubblico italiano interpretando Livia Burlando, la ‘storica’ fidanzata del Commissario Montalbano interpretato da Luca Zingaretti. La Böhm ha recitato la parte di Livia (venendo doppiata da Claudia Catani) fino all’ottava stagione, da lì lasciò il set a causa dei fitti impegni lavorativi. Il ruolo di Livia passò dapprima all’attrice svedese Lina Perned (stagione 9) e infine a Sonia Bergamasco.

Nell’ultimo ventennio ha continuato a recitare in molti programmi austriaci e tedeschi, ed è nota soprattutto per la serie tv poliziesca Il commissario Lanz, dove interpreta con grande successo il personaggio del commissario di polizia Vera Lanz.

Oggi Katharina Böhm ha 55 anni e vive in Germania, nelle vicinanze di Monaco di Baviera, insieme a suo figlio Samuel, nato nel 1998.