Questa mattina è stato presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma l’attesissimo The Irishman di Martin Scorsese. Prodotto da Netflix (dove sarà disponibile dal 27 novembre, dopo essere uscito in alcuni cinema dal 4 al 6 novembre) il film unisce per la prima volta tutti insieme tre degli attori più noti della storia del cinema: Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci.




Scorsese è tornato a collaborare con DeNiro e Pesci dopo ventiquattro anni da Casinò (e ventinove da Quei Bravi Ragazzi) mentre si tratta della sua prima collaborazione con Al Pacino. Il regista italoamericano ha spiegato come l’alchimia tra DeNiro e Pacino sul set sia stata un elemento chiave per la riuscita del progetto:

Non avevo mai lavorato con Al Pacino – ha detto Martin Scorsese in conferenza stampa – nel corso degli anni stavamo per fare un progetto su Modigliani ma non ci siamo riusciti. Ma la cosa più bella è venuta dal rapporto tra Al (Pacino) e Robert (De Niro). Tra loro c’è un’alchimia speciale, si stimano, si conoscono bene, sentivano che stavano facendo qualcosa di davvero speciale. Che stava avvenendo qualcosa di unico. Sarebbero andati avanti con le riprese anche quando erano stremati, ero io a doverli fermare“.

 

The Irishman, trama

Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci sono i protagonisti di THE IRISHMAN di Martin Scorsese, un’epica saga sulla criminalità organizzata nell’America del dopoguerra, raccontata attraverso gli occhi del veterano della Seconda Guerra Mondiale, Frank Sheeran – imbroglione e sicario – che ha lavorato al fianco di alcune delle figure più importanti del 20° secolo. Il film racconta, nel corso dei decenni, uno dei più grandi misteri irrisolti della storia americana, la scomparsa del leggendario sindacalista Jimmy Hoffa, e ci accompagna in uno straordinario viaggio attraverso i segreti del crimine organizzato: i suoi meccanismi interni, le rivalità e le connessioni con la politica tradizionale.