Ancora problemi per WhatsApp, come ciclicamente accade per gli utenti in possesso sia di smartphone Android, sia di iPhone. Nella serata di mercoledì 3 maggio, su molti cellulari l’applicazione di chat ha smesso di funzionare, impedendo l’invio di messaggi, foto e video. Cosa succede? Semplice, torni a fine anni 90 e 2000, quando per comunicare utilizzavi le tecniche più semplici… QUALE METODO UTILIZZARE?

LO SQUILLO

Prendere il telefono e fare gli squilli era una prerogativa riservata a tutti coloro che possedevano i primi telefoni, sopratutto i primi Nokia, prendere il cellulare e squillare voleva dire due cose:” Ti sto pensando o richiamami”.

Funzionerebbe adesso? E’assolutamente impossibile, sicuramente ti arresterebbero per stalking dopo nemmeno 2 minuti quindi non è possibile utilizzare questo metodo per sopperire l’assenza di whatsapp.






SMS

Ecco questo potrebbe essere un metodo giusto, non invasivo, ma dipende che tariffa hai. Sono lontani i tempi in cui pagavi 15 centesimi a messaggio, in teoria adesso tutti abbiamo sms illimitati ma se non ce l’hai è dura…

CHAT FACEBOOK ( VECCHIO SMS)

Metodo più sicuro, è quello che sto utilizzando per comunicare con tutti i miei collaboratori però c’e’chi non ha facebook( può ancora succedere) e non puoi inviargli un trillo…quindi come si fa in questo caso?






TELEGRAM

C’è chi nemmeno lo conosce Telegram ( alternativa a whatsapp) o ha ancora il vecchio VIBER, e sopratutto non hai i gruppi tipo il calcetto o le amiche su whatsApp…

CHIAMARE

Torni negli anni 90, CHIAMA, non hai più il rischio che ti risponda il padre del tuo lui o della tua dal fisso di casa…