Sapore di mare 2 – Un anno dopo è un film italiano del 1983 diretto da Bruno Cortini. È il seguito di Sapore di mare, uscito nello stesso anno. Il film incassò un miliardo e mezzo di lire, meno dei 10 miliardi ottenuti dal suo predecessore.

TRAMA

Estate 1965. Dopo un anno, il gruppo de La Capannina si ritrova sulla spiaggia di Forte dei Marmi, in Versilia. Rispetto all’estate precedente, non ci sono più Luca e Felicino, né Marina Pinardi e la signora Balestra col marito. In compenso, si sono aggiunti Tea Guerrazzi, una donna in cerca di uomini ricchi; Uberto Colombo, autista del Commendator Carraro; Fulvio Comenducci, un giovane libertino; Valeria, una compagna di studi di Gianni; Reginella, figlia di amici dei Pinardi. Paolo è sempre più innamorato di Susan ed è pronto a cercarla in ogni dove, nonostante il parere negativo dei genitori, che lo vorrebbero far fidanzare con Reginella. Anche Susan ricambia i sentimenti di Paolo, ma, mentre lui la sta cercando a Londra, lei giunge a sorpresa a Forte dei Marmi: non trovandolo e credendolo fidanzato con Reginella, si getta tra le braccia di un certo Romildo Bettazzi.

MASSIMO CIAVARRO: “ERO IMBARAZZATISSIMO”

L’attore Massimo Ciavarro, ospite della trasmissione Oggi è un altro giorno, ricorda i tempi di “Sapore di Mare 2”:

“…’Sapore di Mare’ era il mio secondo film, ero così imbarazzato… Ero popolarissimo, ma non pensavo assolutamente di fare cinema. Ho avuto un incontro a Piazza Navona con il mitico Enrico Lucherini, Salvatore Samperi e il produttore del film che era Galliano Juso. Mi dicono: ‘Stiamo preparando questo film, ti vogliamo’… Io mi ero stancato di studiare e mi ero appena iscritto ad una scuola di recitazione. E mi sono detto: ‘Come faccio a dire di no?’… Però dentro di me mi feci subito rosso al solo pensiero che avrei dovuto recitare non soltanto stando fermo ma parlando anche”. 

E poi prosegue, ricordando la scena famosa della pizza e birra con Eleonora Giorgi:

“La prima scena di Sapore di Mare 2 era con Eleonora Giorgi… Non l’avevo mai conosciuta ma avevo visto i suoi film, le sue fotografie. Non ti dico che ne ero innamorato, ma mi piaceva ‘un botto’, come si dice a Roma. La timidezza della recitazione, la scena era piuttosto lunga, senza tagli ed ero imbarazzatissimo… tutto tremante… Però mi colpirono le parole di Eleonora che mi disse: ‘Ma che te frega, gioca, divertiti, ridi’. E quella poi fu la scena della famosa frase che tutti quanti conoscono, cioè che ‘la vita è pizza fredda e birra calda’… che se ci pensi è una grande verità”. 

Lente

E a proposito della fine della sua storia d’amore con la Giorgi dichiara:

“Non è stata una mia scelta, è stata Eleonora che dall’oggi al domani ha deciso che nel rapporto non trovava più quello che lei pensava dovesse esserci. Io, come dico sempre, sono un uomo abbastanza freddo. Non tiro fuori i miei sentimenti con i gesti, più che altro con le azioni. E le azioni erano tante in quel periodo, la sera ero stanco morto. Lei era la mente, io il braccio. E pensavo potesse bastare, ma non è così nella realtà. Ci devono anche essere i gesti, l’affetto e forse anche le parole…”.

Leggi anche: Eleonora Giorgi ricorda Sapore di mare 2: “Mi innamorai di Massimo nella scena della pizza e birra”