Scialpi: “Vivo in povertà, conto sui concerti per potermi permettere di andare dal dentista”

Scialpi: “Vivo in povertà, conto sui concerti per potermi permettere di andare dal dentista”

In una lunga intervista rilasciata al Corriere, Scialpi, cantante icona degli anni Ottanta tra «Rocking Rolling» e «Pregherei», si è raccontato a 360 gradi in occasione dei suoi 60 anni, festeggiati il 14 maggio scorso.

Dall’amore alla musica, sino ai problemi economici e di salute, Scialpi ha raccontato di essere stato operato al cuore dopo aver partecipato a Pechino Express.

 “È successo dopo ‘Pechino Express’, – ha ricordato – sono tornato piuttosto malconcio, del resto se hai problemi di salute mentre sei nella foresta pluviale dove vai? Non bevo e non mi drogo, direi anzi che sono un tipo atletico. Ma l’80 per cento del mio cuore non batte più, più precisamente il 35 per cento di un ventricolo, il 40 di un atrio. Sono vivo grazie al pacemaker”.

Oggi va incontro a diversi problemi di natura economia:

“Non ho superato i miei problemi economici ma non sono il solo a vivere in condizioni di povertà. Lo stop a ogni attività imposto dal lockdown ha peggiorato le cose. Non dovrebbero essere le multinazionali a ricevere aiuti e “ristori” dallo Stato, ma le etichette più piccole, indipendenti. Conto sui concerti per riuscire a tornare ad avere una vita “normale” e potermi permettere di andare dal dentista. Come tutti. E se proprio non riuscirò, be’ forse aprirò un localino a Malaga“.

E continua:

“Ho fatto alzare lo share di “Oggi è un altro giorno” di due punti. Sono un artigiano della musica, fuori dal grande “sistema” della musica che nel nostro Paese vive di inciuci. Altrove conta il merito, la bravura; in Italia è il marketing a dettare legge. “Finché la barca va”, come cantava la grande Orietta (Berti, ndr), che vive una “rinascita” dopo anni di buio. Sono davvero contento per lei, vede come gira la ruota? Io sono un po’ come Orietta, mi “sdegno” quando vengo messo da parte. Ma chissà, spero che la ruota giri anche per me”.

Quindi il cantante ha parlato anche della sua vita privata, rivelando dettagli inediti sulla sua relazione a distanza con il fidanzato che vive a Los Angeles:

“In realtà ci sentiamo tutti i giorni, in videochiamata. Abbiamo sessant’anni, i furori giovanili li abbiamo abbandonati, una relazione alla nostra età ha bisogni diversi, vive di altre cose. Quest’anno Leo non può venire in Italia, dunque andrò io, starò due settimane poi ritornerò, ho una serie di ‘ospitate’ e concerti. Canto i miei successi nelle piazze dei comuni che mi chiamano. A fine settembre, invece, farò la ‘data zero’ all’Auditorium di Roma di quella che sarà una tournée nei teatri, dove manco da una decina d’anni”.

Circa l'autore

Claudia Giampaolo

26 anni, di Roma. Laureata presso l'università di Roma Tre in "Lingue e Mediazione linguistico-culturale", con "Master di Traduzione e adattamento delle opere audiovisive e multimediali per il sottotitolaggio". Appassionata di film, serie tv e libri, amante dei gatti e dello sport, tennis e calcio su tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Canali Social

  • Sponsor

    Archivi