Alcuni attori scelgono dei ruoli per sfida. Altri, diciamocela tutta, per la paga. Una motivazione diversa e abbastanza particolare ha spinto invece Robert Downey Jr. a indossare i panni del Dr. Dolittle in quello che sarà il suo primo film post-Avengers. Come mai proprio questo film?




La decisione è arrivata direttamente da casa: oltre a vivere con sua moglie e i loro due figli, Downey condivide le mura domestiche con numerosi animali ‘raccolti’ nel corso degli anni. Non stupisce dunque che l’ex Tony Stark abbia dentro di sé un animo da veterinario. 

In un’intervista con Exta, Robert e sua moglie Susan (la quale è un’affermata produttrice di film, nonché co-fondatrice della loro azienda Team Downey) hanno parlato del nuovo film e l’attore ha raccontato di come il parallelismo con la sua vita reale lo abbia aiutato nella scelta.

Mi chiedo sempre “Perché questo film? Perché ora? Perché farlo? Poi, onestamente, ho guardato fuori la finestra e visto alcuni alpacas che mi guardavano, così come le nostre capre, le mucche, i maiali… mi è sembrato tutto sincronizzato. Inoltre non ci piace aspettare troppo per buttarci in qualche progetto difficile da fare insieme, sia che sia un film o un figlio. 

Anche la moglie Susan ha svolto un ruolo primario nella decisione di fare Dolittle.

È stato divertente scegliere qualcosa che anche i nostri figli potessero vedere. Perché anche se lui [Robert] ha permesso loro di fargli vedere i film Marvel, non hanno potuto vedere gli altri film ai quali abbiamo lavorato insieme. C’è stata una difficoltà molto spronante per quanto riguarda gli effetti speciali, una cosa diversa, ad esempio, da ciò che avevamo fatto con Sherlock.